giovedì 3 aprile 2014

Il primogenito

Il mio papà quando ero piccola mi chiamava sempre
"la mia primogenita"
lo diceva in modo molto fiero e io in fondo mi sentivo orgogliosa di 
quell'appellativo che era ovviamente riservato solo a me,
visto che appunto sono la primogenita di tre sorelle.

C'era poi un gioco che mio padre era solito fare con noi tre,
si trattava del "gioco del testamento"
si lo so che detta così sembra una cosa macabra ma vi assicuro
che era tutt'altro e ci facevamo tante risate,
inoltre il mio papà ha sempre avuto una fervida immaginazione
perciò il gioco-racconto durava molto tempo e noi rimanevamo
 li a sentirlo raccontare questa storia "sul futuro".

Il gioco consisteva nel fare testamento, 
ovviamente era mio padre che faceva testamento
e noi nel suo immaginario eravamo già grandi e lui vecchierello.
Il racconto partiva dalla più piccola di noi e iniziava così:
"a te che sei la più piccola lascio i miei puzzolenti scarponi da montagna... ecc"
e già da li potete capire quanto la mia sorellina più piccola non fosse contenta
di quel lascito e quanto noi due "le grandi" ridessimo a crepapelle come matte 
(il sadismo dei bambini si sa :-DDD)...
poi arrivava il turno della mezzana e nemmeno a lei andava tanto bene, perché se
anche non si trattava di scarponi puzzolenti, c'era di sicuro di mezzo qualcosa
di vecchio e rotto e quindi la storia non cambiava di una virgola...
anche nel suo caso grandi risate per noi...
perché alla fine io e la piccola ridevamo delle disgrazie della mezzana.

Poi arrivava il mio turno... e a parte qualche variazione sul tema
perché ovviamente il papà doveva donare anche a me qualcosa di 
vecchio e rotto... alla fine però arrivava sempre immancabile la frase
" a te che sei la primogenita lascio il bastone  della vecchiaia" 
non che mio padre utilizzasse il bastone, tutt'ora infatti non lo usa, però
nel nostro immaginario il vecchio e il bastone era un must have come si direbbe oggi.
E così se è vero che comunque non mi veniva donato chissà cosa
io sapevo che quel bastone della vecchiaia era importante 
perché veniva dato solo alla primogenita.

Il primo figlio è la prima volta per tutto...
le prime lacrime
le prime paure
la prima grande gioia

poi ce ne saranno altri...
ma il primogenito è il primogenito.

E dopo questa mia breve storia vi presento un piccolino speciale, 
ho avuto il piacere di fotografare la sua mamma mentre lo aspettava
e adesso è arrivato il suo turno

Benvenuto Alessandro


Ci vediamo al prossimo Click
PH Una Marmellata di Foto

21 commenti:

  1. bellissimi!!!!! e bravissima tu......trasmetti emozioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ilona davvero grazie per i tuoi complimenti :-)
      Verdiana

      Elimina
  2. Grazie di averci raccontato qualcosa di te...emozionante, come lo sono anche le foto.... Meravigliose!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Sabrina...alla fine qui cominciate a conoscermi no?
      :-)

      Elimina
  3. Grazie per aver condiviso anche con noi questi splendidi scatti. Ho avuto il piacere di conoscere Francesca e Alessandro dal vivo e rivederli in questi scatti è stato emozionante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna ammettere che lei in quanto a bellezza è il top, che dire... un "lavoro" decisamente facile il mio ;-)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Grazie a te... mi emoziono anche io a leggervi :-)

      Elimina
  5. Che foto meravigliose! lei è bellissima! e il piccolino è uno scricciolo tenerissimo! quanto amore che traspare nei tuoi scatti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna Rita grazie infinite sei gentilissima come sempre
      un abbraccio

      Elimina
  6. Troppo troppo troppo belli!!!!!! Brava Verdy!!!!!

    RispondiElimina
  7. una più bella dell'altra .
    magia pura le tue foto Verdiana
    bacioni

    RispondiElimina
  8. sai che la tua storia e le tue parole finali mi hanno commossa? Grazie per avercela raccontata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna io quando rileggo questa storia mi faccio due risate invece... perché ricordo bene le serate che passavamo con il papà che ci raccontava questa "storia" .... non puoi capire ho un ricordo talmente vivido che potrei dirti per filo e per segno la lunga lista di "donazioni" che ci lasciava in eredità :-DDD
      un bacione

      Elimina
  9. Mi hai fatta emozionare!!! <3
    Complimenti cara Verdiana

    RispondiElimina
  10. Scalda il cuore il tuo racconto... Attraverso le tue bellissime foto racconti la vita, l'amore, la famiglia, ma quelle di altre persone. Oggi invece hai fatto una introduzione, un racconto così minuzioso che sono riuscita ad immaginare te da piccola che ridevi insieme alle tue sorelle... Ho guardato le foto, il tuo scatto è magico, ma ho continuato ad avere davanti agli occhi il testamento del tuo papà!

    RispondiElimina
  11. Grazie Mariuccetta mi fai emozionare :-)

    RispondiElimina
  12. Davvero complimenti. Le tue foto e le tue dolci parole scaldano il cuore...mi piacerebbe tantissimo conoscerti dal vivo, penso tu sia davvero una persona dolcissima!

    RispondiElimina